Se c’è un lato oscuro nel mondo della musica, questo è relativo alla distribuzione dei prodotti digitali online. Comprendere il collegamento che c’è tra le tue canzoni finite e il pubblico può fare la differenza facendoti guadagnare fan e follower.

Purtroppo, si tratta spesso di un mondo sconosciuto e arcano quasi quanto le regole del baseball. In questo articolo proveremo a fare chiarezza così da aiutarti a comprendere come puoi distribuire le tue canzoni in formato digitale in modo efficace.

Per diventare artisti di successo è necessario far arrivare i tuoi dischi a una grande platea di pubblico potenzialmente interessata. Oggi grazie alle possibilità offerte dalle piattaforme digitali è molto più facile fare tutto questo. Ovviamente non ti basta caricare la tua canzone sui più noti portali online per diventare immediatamente un fenomeno virale del nostro secolo.

La promozione musicale è un argomento complesso e potenzialmente infinito. Ciò nonostante, c’è qualche piccolo accorgimento che puoi prendere così da capire meglio il collegamento tra la tua musica e i tuoi fan.

Iniziamo subito con qualche piccola statistica, che sicuramente fanno chiarezza e ti danno un’idea di quanto la distribuzione sia essenziale per aumentare la tua visibilità. Oggi oltre il 50% di tutte le entrate musicali deriva da vendite digitali.

In particolare, se andiamo ad analizzare la tipologia di transazione scopriremo che i tre quarti di questo 50% sono costituiti da sottoscrizioni a contenuti streaming. Tradotto in termini semplici, gli abbonamenti mensili a Spotify incidono tantissimo su tutto il mercato musicale.

Se sei un artista non puoi certo rinunciare a partecipare a questa realtà. In quest’articolo ti metteremo a disposizione alcune semplici informazioni che puoi mettere in pratica subito, per iniziare così il tuo percorso nel mondo della musica.

via GIPHY

Cos’è e cosa significa distribuzione musicale digitale?

Tutti i processi di distribuzione musicale riguardano da sempre il modo in cui la musica arriva all’ascoltatore finale. Per la maggior parte degli ultimi 80 anni di storia, erano le etichette discografiche a stabilire accordi con i distributori per diffondere i dischi dei loro artisti nei principali negozi fisici.

Oggi ovviamente tutto questo ha meno impatto, conta molto di più la distribuzione fluida ovvero quella che non prevede il passaggio di proprietà di un supporto fisico come un CD o un vinile.

Oggi gli artisti possono iniziare fin da subito a distribuire i loro prodotti a una grande fetta di pubblico sfruttando i negozi online e senza rinunciare a nemmeno una parte dei loro diritti d’autore.

In pratica rimarrai proprietario delle tue migliori produzioni, avendo piena disponibilità sulle loro sorti. Le principali piattaforme a cui fare riferimento sono ovviamente iTunes, Spotify, Amazon e Google Play, ma non trascuriamo nemmeno quelle minori.

Su queste piattaforme ti troverai tuttavia in competizione con tutte le realtà tradizionali del mondo della musica: etichette e distributori si occupano ancora oggi di promuovere i brani dei loro artisti in formato digitale, perciò le piattaforme online non sono lande desolate in cui potrai emergere in un secondo, anzi sembrano più delle arene in cui ti troverai a combattere contro enormi dinosauri.

Per questo motivo molti artisti si affidano ad aziende di distribuzione musicale. Se vuoi scoprire questa possibilità, prova DistroKid, un’agenzia di distribuzione online che si occuperà della diffusione della tua musica, lasciandoti il 100% dei ricavi. Cliccando qui sapranno che sei dei nostri e ti faranno un ulteriore sconto del 7% sul piano che preferisci! (Non c’è di che!)

via GIPHY

Perché dovresti distribuire online la tua musica?

Come abbiamo visto è la distribuzione digitale a tenere a galla il mercato della musica moderna.

Da sola rappresenta oltre il 50% delle vendite totali, contro il 30% di quelle in formato fisico. Ma si tratta anche di una possibilità aggiuntiva per tutti gli artisti che possono decidere di non affidarsi a gigantesche etichette discografiche che prenderebbero elevate percentuali e imporrebbero, nella peggiore delle ipotesi, i loro obiettivi di business.

Se sei al debutto non avere costi di distribuzione è una possibilità per ottenere risultati in autonomia e in breve tempo. Imparando a conoscere al meglio gli algoritmi che regolano il funzionamento di queste piattaforme potrai anche sfruttare i sistemi di raccomandazione così che gli utenti possano entrare in contatto con i tuoi brani in base all’affinità e al genere.

Come fare distribuzione online della propria musica digitale

Imparare a distribuire online la tua musica digitale potrebbe essere il primo passo verso una sfavillante carriera, o almeno potrebbe essere un buon modo per vedere ripagati i tuoi sforzi iniziali: i primi 1000 fan non si scordano mai.

Comprendere dove la tua musica ha successo ti permetterà anche di creare eventi, tour e attività promozionali per rendere solido quel bacino di utenza.

Comprendi gli algoritmi e aiutali a capire la tua musica

Una delle più grandi difficoltà che potresti incontrare se sei alle prime armi nella gestione di Spotify e di altre piattaforme simili è quella relativa alla comprensione degli algoritmi. Non è detto che se hai selezionato lo stesso genere musicale di un grande artista finirai nelle raccomandazioni dei suoi fan. Allo stesso modo non è il numero di questi ultimi a determinare per forza il tuo successo.

Considera che la maggior parte di questi algoritmi funziona per parole chiave, keywords, termini capaci di intercettare le ricerche degli utenti e contemporaneamente far capire al software che genere musicale produci. Ogni volta ti troverai alle prese con l’inserimento di un tuo brano su un portale dovrai ricordarti di aggiungere tutti i metadata necessari a farti comprendere dal portale stesso. Eccoti un elenco da salvarti così da non perderti mai un passaggio:

  • Titolo Brano
  • Album
  • Nome Artista
  • Data Pubblicazione
  • Etichetta (Se la hai)
  • Genere
  • Titoli delle Tracce (Se si tratta di un album)
  • Bio dell’artista
  • Compositore
  • Collaborazioni e Featuring
  • Codici ISRC

Per quanto riguarda i consigli, cerca di utilizzare termini sempre validi nel tempo e non affidarti per forza alle nuove tendenze. Queste ultime ti saranno utili per il prossimo passaggio.

Impara a promuovere i tuoi profili sulle piattaforme di distribuzione

Puoi utilizzare i social media, un blog oppure uno dei tanti canali YouTube dedicati alle uscite musicali.

Impara a creare attesa nel tuo pubblico: specialmente se stai per rilasciare un nuovo brano anticipa lo spettacolo, mostra estratti da qualche secondo, fai riprese del backstage da diffondere sui social.

Ricorda che se non hai alle spalle un’etichetta o un grande distributore, devi assolutamente imparare a creare hype intorno alla tua figura artistica e ai tuoi dischi.

migliora il tuo sound con mixemaster!

L'articolo ti è stato utile? Condividilo!


Luca Oliveri

Mi chiamo Luca Oliveri, sono un Producer / Compositore.
Aiuto artisti, producer e musicisti a realizzare i propri progetti musicali, offrendo consulenze ed offrendo servizi di produzione musicale, mix e mastering audio.

hai bisogno di aiuto?
Raccontami il tuo progetto

Costruiamo insieme la tua nuova musica