Step #1 per il mastering di un pezzo rap: equalizzare

La prima cosa da fare per il mastering di un pezzo rap è l’equalizzazione.

Le domande che devi porti sono “il pezzo spinge troppo sui bassi, o troppo poco rispetto al resto del disco?”, “il midrange si sente pulito e uniforme, o c’è un accumulo in una certa gamma?”

Dopo aver ascoltato un po’, la prima cosa da fare e uno spostamento verso l’alto. Direi che la maggior parte delle volte gli alti hanno bisogno di un po’ di lavoro ed è sicuramente il miglior punto di partenza. Di solito la gamma alta è un po’ debole con l’eccezione delle sibilanti vocali e degli hi-hat, per questo è la gamma che deve assorbire il vostro lavoro in fase iniziale.

Va detto che se sei anche la persona che deve mixare il pezzo, allora hai una maggiore capacità d’intervento.

Laddove in fase di mastering di un pezzo rap andrai ad aumentare alcune alte frequenze, possibilmente compensando con qualche attenuazione minore o con ulteriori aumenti – o forse con un compressore multibanda solo per rimettere gli hi-hat al loro posto.

In fase di mix puoi semplicemente tornare nel mix e abbassare un po’ gli hi-hat.

Step #2 per il mastering di un pezzo rap: compressione

Nella maggior parte delle canzoni hip hop, la voce è quasi sempre in primo piano e fortemente compressa. Questo è il motivo per cui la voce può iniziare rapidamente a suonare troppo compressa quando in fase di mastering di un pezzo rap si applica dell’ulteriore compressione.

Per evitare questo problema durante il mastering di un pezzo rap puoi adottare due approcci:

-1- Con i sottogeneri old school, tipo il boom-bap, c’è meno contrasto tra le basse e le alte frequenze, il che rende più facile applicare la compressione in modo uniforme. Per questo ti conviene applicare la compressione per migliorare il groove complessivo della canzone e uniformarlo alle altre tracce in fase di mastering per dare un tono coeso a tutto il disco.

Per fare questo, applica una moderata riduzione del gain. Imposta l’attacco e il tempo di rilascio in modo da farli andare a braccetto col tempo del pezzo:

tempi di attacco lenti sono migliori per enfatizzare il punch, mentre i tempi di attacco veloci possono aiutare a rendere un mix più sincopato, carico.

-2- Con la maggior parte dei brani moderni, il kick e il basso tendono ad essere un punto cruciale del mix. Può essere particolarmente difficile applicare la compressione quando una gamma di frequenze è significativamente più forte delle altre. È qui che entra in gioco la compressione multibanda.

La compressione multibanda ti permette di comprimere ogni gamma di frequenza separatamente, rendendo un gioco da ragassuoli mantenere l’equilibrio di un mix.

Per esempio, puoi applicare una compressione aggressiva ai bassi per domare gli 808 ingombranti senza andare a rompere i cosiddetti ai vocal!

mastering di un pezzo rap

Problemi di volume

Passiamo al volume: diciamo la verità: alla maggior parte degli ascoltatori non importa quanto sia forte un disco.

Ma se si tratta di fare il mastering di un pezzo rap il problema nasce solo quando inizi a confrontare le proprie tracce con i pezzi che ascolti su Spotify. Idealmente dovresti poter alzare limitatore a palla, senza distorcere o togliere profondità al disco.

La tentazione è però quella di andare a tutto gas col limitatore perché la roba che suona forte, per brevi periodi, sembra migliore. Bene, non farlo.

Potrebbe sembrarti la mossa giusta quando tanti pezzi commerciali sono estremamente rumorosi, ma le grandi etichette stanno vendendo molto meno di una volta e tendono a tornare verso un minor volume in favore di una maggiore naturalezza sonora, insomma le loudness wars sono finite.

Step #4 per masterizzare un pezzo rap: tracce di riferimento

Il suono dell’hip hop è cambiato molto nel corso degli anni, specialmente nell’ultimo decennio o giù di lì.

Dai suoni dei classici dischi Boom-Bap e G-Funk degli anni ’90 all’estetica caciarona e decadente dei moderni sottogeneri trap e rap melodico, la cosa importante quando fai il mastering di un pezzo rap o hip hop è avere un’idea chiara di dove vuoi andare a parare.

E per farlo ti servono tracce di riferimento, non si scappa. Probabilmente pensi di essere già un super produttore della madonna, incompreso dalle masse. Non è così, se la tua musica non va è perché spesso non riesci ad entrare nel mood del genere che ti interessa. Oh, sia chiaro, se vuoi sconvolgere il genere è ovvio che ti allontanerai molto dalle tue tracce di riferimento, ma anche in questo caso ti saranno utilissime per capire che cos’è che andrai a stravolgere.

Cerca dalle tre alle cinque tracce che abbiano il mood che vuoi mettere nel tuo pezzo, una volta trovato usa queste tracce per il mastering del tuo pezzo rap o trap.

Ovviamente non devi copiare spudoratamente il pezzo, è una guida che deve aiutarti a capire come mixare e masterizzare la tua musica per avere quel sound che anche tu vorresti riuscire a infondere nella tua canzone.

Step#5

L’obiettivo primario per il mastering di un pezzo rap è quello di preparare un mix per l’ascolto su diverse piattaforme di streaming. Per assicurarti che il tuo mastering suoni forte e chiaro su ogni piattaforma, uno step utile è conoscere i livelli di loudness di ognuno di essi. Per fortuna ci siamo qui noi:

  • Apple Music: -16 LUFS
  • Spotify: -14 LUFS
  • Tidal: -14 LUFS
  • YouTube: -13 LUFS

Come impostare i LUFS in fase di mastering? beh, la vostra DAW di solito ha un limitatore, usatelo!

Anche oggi vi abbiamo dato qualche buona dritta senza tanti fronzoli o paroloni. Ma se ancora siete dubbiosi su come vada fatto il mastering di un pezzo rap, o magari volete far fare a dei professionisti, beh… Eccoci qua, smasha il bottone qua sotto e facci sapere come possiamo migliorare il tuo pezzo insieme!

migliora il tuo sound con mixemaster!

L'articolo ti è stato utile? Condividilo!


Luca Oliveri

Mi chiamo Luca Oliveri, sono un Producer / Compositore.
Aiuto artisti, producer e musicisti a realizzare i propri progetti musicali, offrendo consulenze ed offrendo servizi di produzione musicale, mix e mastering audio.

hai bisogno di aiuto?
Raccontami il tuo progetto

Costruiamo insieme la tua nuova musica